domenica 7 giugno 2009



caliamo un velo pietoso sul fatto che la mia amica alle ore15 era belle scoppiata dalla stanchezza e mi ha fatto tornare a casa alle16.30 e fatto saltare l'esibizione delle frecce tricolore..grrrrr l'avrei strozzata,cosi si è eliminata da sola per la prossima volta, perchè mia cara amica, pensi di passare un intera giornata a Genova camminando in sù e giù e mangiando solo una mela e bevendo tre caffè? si , lo so ,lo pensi, ma vedi crolli come una pera matura.ormai se non sei diventata una bonazza fino ad ora non lo diventi piu', mangia ,ti prego, mangia cosi sei meno nervosa e ingrassando sei anche piu' bella
cmq , lasciamo questo capitolo e passiamo
al resto :
faticaccia mattutina, sveglia alle4.30 partenza ore 5.2
0. perchè non si sa mai, meglio arrivare in anticipo

si arriva a Genova davanti a questa enorme creatura di 10 piani , non di morbidezza, ma di lusso e agiatezza si entra e si scopre un mondo di luci colori e musica ovunque, ogni piano una musica diversa,ogni piano saloni immensi e poltrone relax sui ponti, piscine di quà e di la , colorate , per adulti, per piccini con giochi colorati che piacciono tanto anche a noi.






raggiungiamo il salone dove si svolge
la trasmissione ,


dopo aver passato salone delle feste, salito scale luminose, attraversato l'enorme sala di slot machine aperto porte dai vetri immacolati e poi loro, Dose e Presta che ci accolgono con la loro simpatia di sempre.

La trasmissine scorre veloce, troppo e ci ritroviamo alle 10 al buffet offerto dal comandante;, la sottoscritta e' arrivata tardi e non si e' beccata nemmeno un croissant e spremuta,ma mi sono rifatta negli altri bar della nave, anche perchè era tutto gratis.
ma poi perche scendere? andiamo a visitare la nave,cosi prendiamo la velocissima ascensore che ci porta al 10 piano e di li avanti e indietro , scendi scale , apri porte e porticine, ce la siamo visitata tutta -quasi -per poi ritornare nel salone d'ingresso, sederci su mordidi divani , prendere una spremuta gratis,e guardare il mondo che arrivava per la conferenza stampa. Ma poi si sa, si deve scendere,e si rtorna alla realtà perchè li ,sulla nave Pacifica è tutto un sognare dimenticare cosa c'è fuori. Il resto della giornata spasso per la via principale ,in una Genova sempre bella ,


dove puoi incontrare Elvis



e insegne in diletto genovese.
una sosta al bar dove io ho mangiato e la tipa ha preso un frappè di frutta e acqua-niente latte perchè non si sa mai che ci si metta qualche grammo.
P
oi il crollo e allora si ritorna a casa e sul treno si pensa alle risate,al prossimo appuntamento con i conigli e for
se con una veloce crociera,ma sia quel che sia, anche in treno come ho suggerito a Marco, per noi va bene qualsiasi cosa.
ALOHA !!!!!!!!

2 commenti:

daniela ha detto...

venerdì ti ho pensata mentre sentivo per radio i Conigli che ruggivano e mi facevano ridere mentre guidavo (magari chi mi ha vista avrà pensato che ero matta). Pensavo: "Chissà se Rita è riuscita ad andare in trasmissione". Sono contenta per te che ci sei andata, anche se l'amica ti ha fatto un po' da palla al piede.
dada

Cinzia ha detto...

Quella scritta mi sembra più dialetto trevigiano che ligure! Che bella la nave all'interno, hai fatto benissimo ad andarci, nonostante tutto!
Baciotti
Cinzia