martedì 29 settembre 2009



Da due anni,a fine agosto, puntuale come le campane di mezzogiorno, arriva con il suo fare baldanzoso e leggero.la vedi gironzolare qua e la', scappa, poi ritorna e quando la vedi ormai e' tardi.
si chiama Cacyreus .arriva da molto lontano ,fa km e km,Preferirei non vederla ,ne conoscere quel suo apparire, ne vedere quell'andarevieni a velocita' da formula uno.Sta li e si mangia i miei gerani, li svuola e li buca, questa farfallina , diciamo antipatica, che invece di fare come le sue belle coetanee,svolazzare tra fiore e fiore, pensa ad altro:a fare danni..tantecche' mi devo armare di sprai insetticida  per non vedere del tutto sfiniti quei ex gerani.ma mica la vince lei,li salvo sempre ,striminziti, ma li salvo e li tengo sulla finestra in inverno ,giusto per non darle la soddisfazione di vincere, ma si sa lei ritorna, il prossimo anno, e li, sul balcone ci sara' ancora qualche cosa di rosso , o bianco, o rosa per fare un lauto pranzo.

giovedì 24 settembre 2009


lo so ,non lo dovevo fare. ho sfrosato,.ma dovevo far passare un ora alla coop.lucrezia doveva rientrare a scuola alle 14 erano appenna le 13.lei gioca con la playstation ,io giro e rigiro la coop, so a memoria ogni scaffale , ripasso davanti agli scaffali dei libri, mi fermo spesso, sfoglio e guardo,e anche questa volta mi fermo , prendo quel libro che sta al secondo scaffale, quello con la copertina che ha un non so che.. , apro la prima pagina , incomincio a leggere, poi la seconda , la terza e cosi via che mi ritrovo a fine racconto.
poche pagine che scorrono via veloce, un racconto che e' quasi una fiaba, ma che e' assolutamente vera

L'UOMO CHE PIANTAVA GLI ALBERI "

il racconto raccontato in questi video e se volete leggere in basso c'e il testo













mercoledì 23 settembre 2009

Blog candy
Qui
scade oggi


grazie a questi ragazzi per la bella giornata trascorsa insieme all'oratorio domenica
"
insieme al traguardo " dedicata a tutti quelli meno fortunati di noi, quelli che alla fine della giornata ti lasciano il cuore pieno di gioia

I SALDI CI SONO SEMPRE
DAL 10 AL 50%

QUI

HALLOWEEN SWAP DA NADIA
Io proprio non capisco lo sciopero di sabato per il diritto di libertà di stampa.vorrei sapere dove c'e' il bavaglio
Guardi i giornali e trovi di tutto e di piu', insulti gratuiti a non finire, foto che ritraggono persone anche in mutande a casa propria . vai su internet e trovi blog , che solo a leggerli ti si storce lo stomaco, tanta e' la cattiveria delle persone.
vedi la tv e ti accordi che non c'è spettacolo che una sferratina al governo non la si da, quel governo reo di mettere il bavaglio, di non far sapere, reo d'aver un presidente del consiglio padrone di giornali e tv; beato lui, anche io se avessi dei soldi comprerei, non per mettere il bavaglio ma perchè mi rendono, spettacoli dove persone come Santoro,che elogiano il fatto d'aver scoperto escort e feste. e poi quando lo si tocca ,lui querela tutti, gente che si inebria di soddsfazione a vedere titoli contro il governo, ma se si tocca l'altra sponda si grida allo scandalo,si nascondono notizie e sui giornali vengono messe in fondo alla pagina in un trafiletto.

chi non sa qual'è la differenza tra destra e sinistra , doveva guardare Ballaro' ieri sera, dove c'era un Di Pietro, che farfugliava, masticava le parole, non si sa cosa diceva, un Fassino , con gli occhi fuori dalla testa, le vene del collo che scoppiavano, giudizi e aggettivi vergognosi , su cinque parole , tre erano insulti e si gridava: dall'altra parte, la compostezza, come si sovviene sempre anche da Santoro, Nicollo Ghedina ne e' la prova.si parla con discrezione si danno le prove e non si grida
L'ividia e' una brutta cosa

ecco la differenza..

lunedì 21 settembre 2009

Grazie Ragazzi


Uno aveva un anno in piu del mio gentil figliuolo..

offerta ldl



Rilegatrice meccanica

  • Per rilegare fino a 350 fogli A4 da 80 g/mq
  • 21 fori per rilegare
  • Contenitore di raccolta per i trucioli di carta
  • 4 modalità di foratura
  • Fora fino a 12 fogli A4 da 80 g/mq alla volta, oppure 1 foglio di carta plastificata da 125 micron alla volta
  • Incluso Starter Kit: 40 spirali per rilegare (10 x 6 mm, 10 x 8 mm, 10 x 10 mm, 10 x 12 mm), 40 cartoncini (20 x bianco, 20 x nero) e 40 copertine trasparenti
  • Alla confezione

29.98*
* Attenzione: i prodotti pubblicizzati sono disponibili nei punti vendita Lidl salvo esaurimento delle scorte. Le foto dei prodotti hanno valore puramente illustrativo.uo' comperare..
difficile il ruolo di madre e moglie dopo una diverbio tra padre e figlio

venerdì 18 settembre 2009

E MAI POSSIBILE CHE UNO SCRIVA IL PRORIO PENSIERO E SUBITO ,SE QUALCUNO NON CONDIVIDE LA TUA STESSA IDEA , VIENE ATTACCATA CON FRASI SEI UN PEZZO DI M, VOLA SU LIDI ALTROVE , QUI NON SEI LA BENVENUTA.
INANZITUTTO E' MANCANZA DI EDUCAZIONE,SI PUO' AVERE UN PARERE DIVERSO, SCRIVERE IL PRORIO PENSIERO SEMPRE IN CERTI LIMITI,SENZA OFFENDERE LA PERSONA DI CUI NON CONDIVIDI IL PENSIERO, QUESTE PERSONE NON SI FIRMANO MAI, SEMPRE ANONIMI O CON NOMI FALSI, TUTTI BUONISTI SULLA CARTA ,TUTTI FALSI BUONISMI FINCHE NON VENGONO ATTACCATI LORO O QUANDO NON CAPITA ANCHE A LORO QUALCHE COSA DI POCO PIACEVOLE.
AVEVA RAGIONE PIERO , QUANDO MI HA DETTO CHE IL SOCIALE E' CAMPO MINATO..ALLORA SCRIVERO' LE MIEI SOLITE FRIVOLEZZE, METTERO' FOTO DEI MIEI LAVORI E DI QUELLI RICEVUTI O CHE HO TROVATO SUL WEB, COSI RICECERO' BRAVA BRAVA BRVA

mercoledì 16 settembre 2009

E NOI DOBBIAMO OSPITARE e VIVERE con PERSONE CHE SGOZZANO FIGLIE DI 17-18 ANNI?
E NOI DOBBIAMO
OSPITARE e VIVERE con PERSONE CHE CI AMMAZZANO PERCHE' NON GLI DIAMO UN EURO?
MA STIAMO SCHERZANDO..

lunedì 14 settembre 2009


e questa pioggia incessante , che batte sul lucernaio da ieri notte, ti ricorda che la fine dell'estate e' alle porte e che oggi e' il primo giorno di scuola, si porta la Lucri a scuola, la si guarda da lontano entrare con le maestre, poi ,un baciamano, li al supermercato, in un angolo da freddo polare, zona latticini, . e lo guardi questo ometto in eta', perchè si , il galantuomo ha la sua eta'. ma va benissimo,e chi fa ancora il baciamano?
il terzo ricevutto in vita mia, li ricordo benissimo, il primo da un amico ,il giorno che mi sono sposata,il secondo dal Conduttore Augias,seduto sul divano in albergo , che alla mia domanda sul delitto di Cogne, prima mi ha fatto il baciamano e poi mi ha detto; I fatti sono li che si vedono.Fine del discorso
e visto che oggi piove e non si lavora , si inizia un sacchettino,trousse, chiamatelo come vi pare, a vostro gradimento, per mettere la scatoletta delle carte , che il mio gentil figliuolo, vuole regalare alle amiche di tavolo verde amanti del burraco e scala quaranta che presto partiranno per la Sicilia. E detto fatto mi sbrigo ad alzarmi da questa sedia altrimenti, quarda di quà e guarda di là , il pranzo chi lo fa?

mercoledì 9 settembre 2009



Si partiva sempre alla stessa ora , quando il vecchio con i capelli bianchi usciva dal suo studio e le campane della chiesa vicino suonavano le 19; chiudeva la porta con quel mazzo di chiavi pesante, tutte chiuse in un solo anello; a passo lento scendeva dai gradini che lo portavano in un piccolo cortile di cemento ormai tutto rotto, ma che da un lato aveva un piccolo orto giardino incolto ma cmq bello nel suo disordine.Qualcuno da dietro le persiane lo guardava uscire e lo salutava:Lui, con un cenno, proseguiva diritto.

Usciva in strada e dopo pochi passi raggiungeva il cancellino di quella casa a ringhiera tutta di mattoni a vista.
qui lo aspettavano la piccola disegnatrice, il piccolo gioielliere e la piccola dai pensieri sparsi;a loro si aggiungeva il vecchio cane pinki:In fila indiana,il nonno con l'immancabile bastone e sigaretta avanti e poi loro a seguire,a fianco Pinki che faceva sempre il doppio della strada, perché' andava sempre dal primo all'ultimo e viceversa.
Percorrevano quel piccolo sentiero in mezzo a quel campo, a volte pieno di erba medica, a volte di grano, a volte pieno di pannocchie che le due piccole sbucciano per prendere quei capelli a volte rossi a volte biondi e facevano le parrucchiere strada facendo.
Costeggiavano quelle poche case che delimitavano la periferia e poi giù lungo una discesa polverosa, che in inverno diventava una magnifica pista da slitta; alla fine della discesa sorgeva l'albero maestoso,un albero secolare ,che a distanza di anni veniva tirato giù per fare la strada .quella nera per le macchine.La stradina ,,proseguiva in salita in mezzo a prati per poi diventare un piccolo sentiero che attraversava una galleria di alberi,piena di cinguettii e di fiori bianchi a grappolo, quelli di acacia che il nonno raccoglieva per i piccoli, che felici si mangiavano quel piccolo seme dolce che si trovava all'interno
Sempre camminando il piccolo gruppo, raggiungeva la cima della collina, dove c'era la Grande Villa.Dal cancello arrugginito si vedeva sulla sinistra il viale di iperico,un viale che in estate diventava giallo tanto erano i fiori che sbocciavano in quantità
Sulla destra il magnifico parco dalle piante secolari, dove i tre piccoli amici si arrampicavano e chissà fantasticavano in fantasmi e maghi, perché quella Grande Villa era disabitata, ; dalle finestre socchiuse si vedevano sale immense piene di ragnatele e polvere,grandi scale conducevao ai piani superiori , i pavimenti di legno erano ormai secchi e consumati ; i tre bambini guardavano,con il naso appiccicato a qui vetri, sempre da quelle finestre, in attesa di veder passare fantasmi o maghi perché loro sentivano i rumori e il vento che veniva dall'interno della Grande Villa..
a volte non si andava alla grande Villa ma si proseguiva lungo la strada di ghiaia , dai cespugli pieni di fiori viola, bocche di leone grandissime, come non si trovavano da nessuna parte.
si raccoglievano a volte le viole, a volte le piccole margherite,a volte semplici fiori dai nomi sconosciuti ma tanto belli per quel vasetto trasparente che la mamma poi mettva sul tavolo.Si ritornava sempre in fla indiana per l'ora di cena, sempre con il Vecchio che raccontava fatastiche storie sia ai piccoli che a Pinki, perche Lui, il cane, capivia.
Ginocchia impolverate e sbucciate dalle cortecce degli alberi, forse i visi rossi e sporchi,ma che importa la Villa era la che aspettava forse anche i maghi e tutti i fiori ,che ormai conoscevano le voci e i volti di quei piccoli amici e di quel vecchio con il bastone, che, accompagnato dal cane ogni giorno salivano lassu' per gioco, per conoscere quella che i bambini di città non conoscevano:
la natura

martedì 8 settembre 2009

lunedì 7 settembre 2009

non e' diciassette,, ma e' semplicemente sette, oggi ne abbiamo sette , e pensare che io sono nata il 7
giorno fortunato? giorno sfortunato?
ma oggi la scheda fotografica mi si e' impigliate nel piccinuovo,il mio nuovo inquilino,da aprile che occupa il locale, mi ha avvertito che fra 20 giorni se ne va. E i sei mesi dove li mettiamo ?..
la schedina grazie alla laboriosità del mio tecnico è uscita sana e salva ,per l'inquilino mi appresto a mettere "AFFITTASI " anche se lui e' ancora li
bene ,questa sera prove di canto
domani e' un altro giorno

sabato 5 settembre 2009

WAWAWAWAWAWA ..STO SCRIVENDO CON IL PORTATILE..CHE FIGATA..
MA SI PUO' DIRE FIGATA?

sto di qua e posso controllare tutto quello che sta di là, sull'altro pc,sto di quà e posso stampare di là, sto di quà e leggo la posta sia di quà che di là.

possible, «une chose merveilleuse

martedì 1 settembre 2009


se sono stata una brava mamma , questo non lo so, non sta a me dirlo, so solo che quel giorno,sfinita ho detto, ho sete, c'è una coca cola ? poi sonno profondo. Buon compleanno al figliolo, tanto gentile, quanto disordinato, ma di quel disordinato ordinato che solo io e lui sappiamo capire, come siamo capaci solo noi due ad essere in simbiosi con raffreddore e tosse, prima lui poi , dopo due giorni io,a volte ingenuo come mamma, a volte molto paziente , tanto da ripetere spesso: Ma, conta fino a dieci.
Oggi sono 25